TURCHIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Turchia: ambasciatore in Italia Esenli, accuse di slealtà da alleati Nato sono “offensive”

Roma, 04 mar 16:53 - (Agenzia Nova) - La Turchia considera le accuse di slealtà rivolte ad Ankara da “certe nazioni”, nel quadro della Nato, come “offensive”. Lo ha detto l’ambasciatore di Turchia in Italia, Murat Salim Esenli, in un’intervista ad “Agenzia Nova”. “La Turchia è un membro della Nato dal 1952. Se la Turchia non fosse stata un membro così leale e solido della Nato, penso che probabilmente parleremmo di una Guerra fredda molto diversa. I nostri precedenti nel quadro della Nato sono impeccabili”, ha aggiunto. “La Turchia ha dato un contributo enorme nel far finire la Guerra fredda come è finita”, e Ankara è stata “uno dei due Paesi che hanno condiviso il confine con l’Unione Sovietica, e questo ha rappresentato per noi una pressione considerevole, mentre molti dei nostri alleati europei avevano una zona di comfort intorno”, ha aggiunto. Dunque, “quando certe nazioni cominciano a mettere in dubbio la nostra lealtà, lo troviamo offensivo, perché non abbiamo mai smesso di fare i sacrifici necessari come Paese membro della Nato”. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE