SPAGNA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Spagna: Sanchez, non possiamo riportare in vita vittime terrorismo, ma lottare contro oblio (2)

Madrid, 04 mar 16:04 - (Agenzia Nova) - Sanchez ha sottolineato che "chi consegna le armi accetta la sconfitta, e questo è evidente in questo atto" ed ha messo in guardia sul rischio che quello che è successo venga dimenticato con il passare del tempo, come sembrano dimostrare i recenti studi che hanno portato alla luce la mancanza di conoscenza del terrorismo in Spagna tra le nuove generazioni. "C'è una tendenza umana a mettere in secondo piano i ricordi dolorosi. Non dobbiamo, non possiamo dimenticare", ha rimarcato il premier spagnolo. Florencio Domínguez, direttore della Fondazione "Memoria delle vittime del terrorismo" di Vitoria, ha ricordato che dalla prima pistola sequestrata all'Eta, nel 1964, all'ultima, il 14 marzo 2020, l'organizzazione terroristica ha utilizzato più di 54 mila chili di esplosivo e 4 mila armi. Per questo motivo, la distruzione di oggi ha "un'alta carica simbolica e politica". (Spm)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE