MYANMAR

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Myanmar: Consiglio i sicurezza Onu convoca riunione dopo l'uccisione di 38 manifestanti

New York, 04 mar 05:03 - (Agenzia Nova) - Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si riunirà domani, 5 marzo, per discutere la grave situazione di crisi nel Myanmar, dopo l'uccisione di decine di manifestanti nel corso delle proteste contro il golpe militare che si sono svolte ieri in quel Paese. L'inviato speciale delle Nazioni Unite per il Myanmar, Christine Schraner Burgener, ha sollecitato la comunità internazionale ad assumere "misure molto forti" per il ripristino della democrazia in quel Paese asiatico, dopo la giornata di sconti tra manifestanti e forze di sicurezza birmane culminata nella morte di 38 manifestanti. In uno scambio epistolare con il vice capo della giunta militare, Soe Win, l'inviata Onu ha avvertito che le forze armate birmane rischiano rigide misure sanzionatorie da parte di diversi Paesi, e l'isolamento sul piano internazionale. L'ufficiale ha però replicato che Myanmar "è abituato alle sanzioni, ed è sempre sopravvissuto", ed ha aggiunto che il Paese "dovrà abituarsi a proseguire solamente coi suoi pochi amici": un apparente riferimento a Cina e Russia. Proprio in merito a questi due Paesi, che il mese scorso hanno impedito al Consiglio di sicurezza Onu di esprimere una aperta condanna del golpe, Schraner Burgener ha espresso l'auspicio che "ci sia il riconoscimento che non ci troviamo di fronte a meri affari interni, ma ad una crisi che colpisce la stabilità regionale". L'inviata Onu si è detta convinta che la giunta militare birmana sia "molto sorpresa" dall'entità e dalla tenacia della resistenza civile al golpe. (segue) (Nys)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE