NIGERIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Nigeria: l'ondata di attacchi armati si estende a ovest, migliaia di persone in fuga (2)

Abuja, 03 mar 16:51 - (Agenzia Nova) - Se la recente ondata di rapimenti registrata a Zamfara denota uno spostamento a ovest del baricentro dell’azione jihadista, anche con l’inglobamento sottotraccia di “banditi” già attivi in zona, le conseguenze della diffusa insicurezza hanno spinto migliaia di persone alla fuga. Secondo dati dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), dall'inizio dell'anno oltre 7.660 persone hanno cercato riparo nel vicino Niger ed in particolare nella regione meridionale di Maradi, che ospita ora quasi 100 mila persone di cui 77 mila nigeriane, tutte fuggite dagli incessanti attacchi negli stati di Katsina, Sokoto e Zamfara. A questo proposito, Unhcr ha elogiato la generosità del Niger, le cui autorità continuano attualmente a garantire l'accesso all'asilo, nonostante le restrizioni alle frontiere determinate dai protocolli sanitari anti Covid-19. In Niger, gli operatori dell'Unhcr hanno registrato un picco di violenza brutale all'interno della stessa regione di Maradi, con un alto numero di vittime e gravi incidenti riportati sia a gennaio e febbraio 2021 che nella seconda metà del 2020. I rifugiati descrivono omicidi raccapriccianti, rapimenti a scopo di riscatto e villaggi saccheggiati. Molti sono rimasti anche coinvolti in scontri tra agricoltori e pastori e in fenomeni di vigilantismo, dato che nella maggior parte dei villaggi si stanno costituendo gruppi di autodifesa. Le persone in fuga hanno urgente bisogno di acqua, cibo, riparo e servizi sanitari. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE