SOMALIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Somalia: crisi politica, Puntland e Oltregiuba lanciano nuovo ultimatum a Farmajo

Mogadiscio, 03 mar 12:42 - (Agenzia Nova) - Gli Stati regionali somali del Puntland e dell’Oltregiuba hanno lanciato un nuovo ultimatum al governo federale, accusando nuovamente il presidente uscente Abdullahi Mohamed “Farmajo” – il cui mandato è scaduto formalmente lo scorso 8 febbraio – di voler sabotare il processo elettorale. In una lunga dichiarazione, il presidente del Puntland, Said Abdullahi Deni, ha accusato Farmajo di “complottare” per sabotare i colloqui in corso tra il primo ministro Mohamed Hussein Roble e il Consiglio dei candidati alla presidenza. “Accogliamo con favore il dialogo tra il primo ministro Roble e il Consiglio dei candidati alla presidenza che apre la strada a elezioni nazionali inclusive. Pertanto, esortiamo le Nazioni Unite Somalia e l’Amisom (la Missione delle Nazioni unite in Somalia) a stabilire un luogo sicuro presso l’aeroporto per concludere le discussioni sugli ostacoli rimasti da affrontare nell'attuazione dell'accordo del 17 settembre”, si legge nella dichiarazione. Da parte sua, anche il presidente dell’Oltregiuba, Ahmed Madobe, ha chiesto che al premier Roble venga concesso il tempo di concludere i colloqui per il bene della stabilità del Paese e ha ribadito la sua disponibilità a partecipare a una nuova riunione, purché avvenga in un luogo sicuro. “L’Oltregiuba incoraggia il dialogo in corso tra l'opposizione e il primo ministro Mohamed Hussein Roble. Lo Stato è pronto anche a partecipare alla conferenza pre-elettorale in un luogo sicuro in base all'accordo del 17 settembre”, ha scritto Madobe sul suo account Twitter. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE