IRAQ

 
 

Iraq: attacco a base di Ain al Asad, Casa Bianca minaccia “forti ritorsioni”

New York, 03 mar 19:55 - (Agenzia Nova) - Il governo degli Stati Uniti sta lavorando per individuare le responsabilità dell'attacco missilistico avvenuto questa mattina contro la base aerea irachena di Ain al Assad, che ospita militari statunitensi inquadrati nella Coalizione internazionale contro lo Stato islamico, riservandosi l'opzione di una “forte ritorsione”. Lo ha dichiarato oggi la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, nel corso del suo briefing quotidiano con la stampa. “Stiamo ancora valutando l'impatto di questo ultimo attacco missilistico, compresa la determinazione dell'attribuzione precisa. Il presidente (Joe Biden) è stato informato dalla sua squadra di sicurezza nazionale questa mattina e ovviamente ha monitorato i dettagli durante la notte”, ha detto Psaki, ricordando che i jet statunitensi hanno recentemente bombardato un'infrastruttura di milizie sostenute dall'Iran nella vicina Siria in risposta a incidenti simili in Iraq. “Abbiamo risposto ai recenti attacchi sostenuti dall'Iran contro la Coalizione e le forze statunitensi in un modo calcolato, proporzionale e completamente coperto dalle autorità legali. Questo sarà il nostro modello andando avanti. Se valuteremo che un'ulteriore risposta sarà giustificata, agiremo di nuovo nel modo e nel tempo che preferemo. Ci riserviamo questa opzione”, ha aggiunto la portavoce.

Almeno 13 razzi hanno colpito questa mattina la base aerea irachena di Ain al Assad, che ospita militari statunitensi inquadrati nella Coalizione internazionale contro lo Stato islamico e soldati iracheni. In seguito all’attacco è morto un contractor civile statunitense di base in Iraq, che ha perso la vita a causa di un infarto. Lo ha reso noto il portavoce del Pentagono, John Kirby. "Le forze di sicurezza irachene sono sulla scena e stanno indagando. Non possiamo attribuire la responsabilità ad alcun gruppo armato in questo momento, né abbiamo un quadro completo dei danni provocati. Siamo pronti ad assistere i nostri partner iracheni nelle indagini se necessario", ha dichiarato Kirby. Quello odierno è il secondo attacco missilistico in Iraq contro basi della Coalizione internazionale e giunte a pochi giorni dalla storica visita del Papa in Iraq prevista dal 5 all’8 marzo. Secondo le fonti della sicurezza i 13 razzi sono stati lanciati da una postazione situata a circa 8 chilometri dalla base, che si trova nella provincia occidentale di Anbar. Lo scorso 16 febbraio un altro attacco missilistico ha colpito l’aeroporto di Erbil, nella regione autonoma del Kurdistan, colpendo il compound che ospita le forze della Coalizione e diverse abitazioni.

Nell’attacco un contractor civile è rimasto ucciso, mentre un secondo operatore è morto alcuni giorni dopo per le ferite riportate. Nell’attacco è rimasto ferito anche un militare statunitense. Un altro attacco ha colpito invece il 22 febbraio la cosiddetta Zona verde, l’area fortificata nel centro della capitale irachena Baghdad che ospita sedi diplomatiche e organizzazioni internazionali. In tutti gli attacchi il modus operandi pressoché identico a quello di vari azioni avvenute nel corso di questi anni condotto con razzi di tipo Katyusha lanciati da pochi chilometri di distanza. Gli attacchi sono stati attribuiti alle milizie filo-iraniane che stanno cercando di fare pressione sugli Stati Uniti e la comunità internazionale per il ritiro dei militari stranieri dal Paese. I continui attacchi attribuiti alle unità della Mobilitazione popolare (Pmu), le milizie a maggioranza sciita affiliate all’Iran, hanno spinto gli Stati Uniti a lanciare il raid aereo del 25 febbraio scorso sulla base di Albu Kamal al confine tra Siria e Iraq. Il raid è stato primo dell’amministrazione degli Stati Uniti guidata da Joe Biden e ha provocato 22 morti fra esponenti delle Unità di mobilitazione popolare (Pmu) e delle milizie di Hezbollah irachene, che controllano il confine tra Siria e Iraq. (Nys)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE