INDONESIA

 
 

Indonesia: Widodo chiude agli investimenti in alcolici, Bali chiede esenzioni

Giacarta, 03 mar 06:32 - (Agenzia Nova) - La decisione del presidente dell'Indonesia, Joko Widodo, di eliminare la produzione di alcolici dalla lista degli "investimenti positivi" approvati dallo Stato ha suscitato la reazione di alcuni parlamentari, che chiedono di esentare dal provvedimento almeno Bali, in virtù della sua natura di località turistica internazionale. Intervistato dai media locali, il presidente del Consiglio legislativo regionale di Bali, I Nyoman Adi Wiryatama, ha dichiarato che "Bali dovrebbe godere di un trattamento speciale, perché è un'area turistica. L'alcol a Bali ha un carattere locale. La gente l'ha auto-prodotto prima ancora che questa repubblica divenisse indipendente", ha dichiarato il politico. Il presidente indonesiano ha sancito la stretta normativa sugli alcolici ieri, 2 marzo, cedendo alle pressioni dei più influenti gruppi islamici della Malesia, secondo cui l'atteggiamento tollerante nei confronti dell'alcol danneggia l'immagine del Paese nel mondo islamico. Il provvedimento abrogato da Widodo, approvato soltanto lo scorso 2 febbraio, decretava di fatto l'apertura dell'industria degli alcolici locale a investimenti domestici e internazionali in alcune province specifiche: Bali, Papua, Nusa Tenggara Orientale e Sulawesi. Bali in particolare aveva accolto con entusiasmo l'apertura del settore agli investimenti internazionali, auspicando lo sviluppo dell'industria del liquore locale "arak". (Fim)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE