MYANMAR

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Myanmar: i Paesi Asean chiedono alla giunta militare di liberare Aung San Suu Kyi

Naypyidaw, 02 mar 18:32 - (Agenzia Nova) - La giunta militare che ha preso il potere in Myanmar lo scorso primo febbraio rilasci la leader Aung San Su Kyi e smetta di usare la forza letale contro i manifestanti anti-golpisti. L’appello giunge dall’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (Asean), riunita oggi in formato virtuale per discutere la crisi aperta dal colpo di Stato e acuita nelle ultime ore da violenze che hanno provocato la morte di oltre 20 persone. I ministri degli Esteri dell’Asean – composto, oltre che dal Myanmar, da Singapore, Filippine, Indonesia, Thailandia, Laos, Cambogia, Malesia, Brunei e Vietnam - hanno parlato con un rappresentante della giunta militare in videoconferenza. Al termine del colloquio, la ministra degli Esteri dell’Indonesia Retno Marsudi ha invitato il Myanmar ad “aprire le porte” al blocco Asean per risolvere la crisi, chiedendo inoltre il rilascio dei detenuti politici e la restaurazione della democrazia e promettendo che l’organizzazione regionale non interferirà negli affari interni di Naypyidaw. Anche i ministri degli Esteri di Malesia e Filippine, rispettivamente Hishammudin Hussein e Teodoro Locsin, hanno chiesto il rilascio di Aung San Suu Kyi, nei confronti della quale sono stati presentati ieri nuovi capi d’imputazione. Il gruppo, in un comunicato, ha infine invitato “tutte le parti” ad astenersi dall’istigare la violenza, rinnovando l’impegno dell’associazione a contribuire ad alleviare le violenze. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE