LIBIA

 
 

Libia: presidente parlamento Saleh, la compravendita di voti è un crimine

Tripoli, 02 mar 17:22 - (Agenzia Nova) - Il presidente della Camera dei rappresentanti di Tobruk (il parlamento monocamerale libico eletto nel 2014), Aguila Saleh, ha affermato che fosse provata la compravendita di voti al Foro di dialogo politico, "questo sarebbe un crimine che non potrebbe essere ignorato". "Penso che sia appropriato posticipare la seduta del parlamento per il voto di fiducia al governo fino a quando il rapporto non sarà pubblicato e di pubblico dominio: se davvero che ci sono casi di tangenti, allora coloro che li hanno commessi dovrebbero essere esclusi", ha detto Saleh in un'intervista al quotidiano britannico "The Times". Il rapporto del panel di esperti delle Nazioni Unite, che dovrebbe essere pubblicato il 15 marzo, non ha fornito prove che Dabaiba, ex capo della Libyan Investment and Development Company, sia coinvolto nella presunta corruzione. L'ufficio del premier designato ha descritto la fuga di notizie come "fake news". Alla domanda sui prossimi passi da compiere, Saleh ha detto che il parlamento, che a sua volta è diviso tra Tripoli e Tobruk, dovrebbe prendere le "misure appropriate una volta visto il rapporto". (Lit)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE