IRAQ

 
 

Iraq: ministero Esteri rifiuta “interferenze diplomatiche” nei propri affari interni

Baghdad, 02 mar 08:53 - (Agenzia Nova) - Il ministero degli Esteri dell’Iraq ha annunciato ieri sera il suo rifiuto di “qualsiasi interferenza” da parte di “missioni diplomatiche” negli affari interni del Paese. Il portavoce della diplomazia di Baghdad, Ahmed al Sahhaf, ha detto all'agenzia di stampa irachena "Ina" che “il governo è in grado di difendere la sovranità dell’Iraq e l’unità del suo territorio”. “Rifiutiamo qualunque interferenza da parte delle missioni diplomatiche negli affari interni iracheni”, ha aggiunto il portavoce, facendo appello a tutte le ambasciate affinché “aderiscano alla Convenzione di Vienna sulle relazioni internazionali”. Il portavoce non ha menzionato nessuna ambasciata in particolare, ma potrebbe aver fatto riferimento a recenti dichiarazioni dell'ambasciatore dell'Iran a Baghdad, Iraj Masjedi, che in un'intervista ha criticato le operazioni militari della Turchia contro il Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk) in Iraq. "Rifiutiamo l'intervento militare in Iraq e le forze turche non devono rappresentare una minaccia o violare il territorio iracheno", ha detto Masjedi. Le sue dichiarazioni hanno provocato un piccolo incidente diplomatico, spingendo la Turchia - lo scorso 28 febbraio - a convocare l'ambasciatore di Teheran ad Ankara, Mohammed Farazmand. Dal canto loro, le autorità iraniane hanno convocato l'ambasciatore turco in Iran per protestare contro dichiarazioni del ministro dell'Interno di Ankara, Suleyman Soylu. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE