Esteri

Mostra l'articolo per intero...
 
 

I fatti del giorno - Europa

Roma, 02 mar 12:00 - (Agenzia Nova) - Covid: cancelliere austriaco Kurz, non faremo più affidamento sull'Ue per i vaccini - Austria, Danimarca e gli altri Paesi del gruppo "First Mover" "non faranno più affidamento sull'Ue in futuro e, insieme a Israele, produrranno dosi di vaccino di seconda generazione in caso di ulteriori mutazioni del coronavirus. Lo ha detto il cancelliere austriaco, Sebastian Kurz, prima del suo viaggio in Israele, affermando che questi Paesi “lavoreranno insieme alla ricerca di opzioni di trattamento", ha detto Kurz in una nota inviata all'agenzia di stampa “Apa”. "Il fabbisogno per l'Austria è stimato a circa 30 milioni di dosi di vaccino". In vista del viaggio in Israele, il cancelliere si incontrerà martedì con i rappresentanti delle principali società farmaceutiche nazionali. Kurz ha affermato che l'accesso ai vaccini sfruttando l'Ue "era sostanzialmente corretto, ma l'Agenzia europea per i medicinali (Ema) è troppo lenta con le approvazioni dei vaccini e ci sono colli di bottiglia nelle consegne da parte delle aziende farmaceutiche. Dobbiamo e dobbiamo quindi prepararci per ulteriori mutazioni, non più solo affidandosi all'Ue per la produzione di vaccini di seconda generazione". Secondo gli esperti, nei prossimi anni due terzi della popolazione, ovvero oltre sei milioni di persone in Austria, dovrà essere vaccinata ogni anno. I “First movers” sono un gruppo di Paesi che comprende cinque Stati europei - Austria, Danimarca, Norvegia, Grecia e Repubblica Ceca – oltre a Israele, Singapore, Australia e Nuova Zelanda. (segue) (Res)
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE