FILIPPINE-USA

 
 

Filippine-Usa: Manila protesta per l'aumento delle violenze contro gli asiatici

New York, 02 mar 06:00 - (Agenzia Nova) - L'ambasciatore delle Filippine negli Stati Uniti, Jose Manuel Romuladez, ha dichiarato ieri, primo marzo, che il governo di Manila ha inviato una nota a Washington, per richiamare l'attenzione delle autorità statunitensi al sensibile aumento delle aggressioni e delle discriminazioni ai danni degli asiatici negli Stati Uniti, specie dallo scorso anno, dopo l'inizio della pandemia di coronavirus. Nella nota, inviata dal dipartimento degli Affari esteri filippino alle autorità Usa, si chiede di "garantire la protezione" degli asiatici americani, in un contesto di crescenti aggressioni e violenze inter-etniche, che lo scorso anno ha visto spesso coinvolte la minoranza asiatica e quella afroamericana. "Siamo davvero molto preoccupati, e quindi circa una settimana fa ho inoltrato una nota al dipartimento di Stato e una lettera scritta ad alcuni senatori", ha dichiarato l'ambasciatore Romuladez, citato dal sito d'informazione filippino "Rappler". "Quel che sta accadendo agli asiatici americani qui negli Stati Uniti sta diventando grave", ha aggiunto l'ambasciatore. Uno degli episodi di violenza più recenti, che però pare non essere riconducibile alla categoria dei crimini d'odio, ha interessato un anziano cittadino statunitense di origini filippine, Noel Quintana, aggredito con un fendente di coltello al volto nella metropolitana di New York. Da mesi la stampa Usa accusa l'ex presidente Donald Trump di aver alimentato l'odio contro gli asiatici, evidenziando l'origine cinese del virus responsabile della pandemia di Covid-19. (Nys)
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE