EGITTO

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Egitto: sindacato giornalisti, ministero Interno responsabile di blitz nella nostra sede

Il Cairo, 03 mag 2016 08:32 - (Agenzia Nova) - Il leader del sindacato dei giornalisti egiziani, Yehia Qalash, ha accusato il “ministero dell’Interno del Cairo si essere responsabile per il blitz di due giorni fa” nella sede dell’istituzione. In seguito all’operazione della polizia sono state arrestati due giornalisti. Qalash parlando con la stampa locale si è rifiutato di avviare quindi qualsiasi dialogo col ministero dell’Interno: “Non mi siederò a un tavolo con loro sotto nessuna forma o giustificazione perché sono loro la causa di questa crisi”. In queste ore la polizia egiziana ha circondato la sede del sindacato dei giornalisti al Cairo limitando l’accesso all’edificio. Decine di giornalisti sono riuniti da ieri presso la struttura nel centro del Cairo, a pochi metri da Piazza Tahrir, dove hanno inscenato un raduno all’interno e all’esterno dell’edificio per contestare il blitz della polizia. Secondo quanto riferito dalle guardie del Sindacato, infatti, almeno 50 agenti in borghese hanno fatto irruzione l'altro ieri nell’edificio per arrestare due giornalisti, Amr Badr e Mahmud al Saqqa, sospettati di “incitamento alla violazione della legge sulle manifestazioni”. Il primo è cugino di Mahmud Badr, co-fondatore del movimento Tamarod (Ribellione) di opposizione ai Fratelli musulmani; il secondo è un giornalista considerato vicino a posizioni socialiste. (segue) (Cae)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE