SUD SUDAN

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Sud Sudan: portavoce Onu, 15 caschi blu di etnia tigrina si rifiutano di fare ritorno in Etiopia

Giuba, 23 feb 09:51 - (Agenzia Nova) - Circa 15 caschi blu etiopi di stanza nel Sud Sudan originari della regione del Tigrè si sono rifiutati di tornare in Etiopia. È quanto riferito dal portavoce delle Nazioni Unite, Stephane Dujarric. “Stiamo cercando di ottenere i dettagli, ma mi risulta che circa 15 membri del contingente abbiano scelto di non salire a bordo del volo all'aeroporto di Giuba. Hanno chiesto di restare”, ha detto Dujarric nel corso di un briefing con la stampa. Un contingente di 169 militari etiopi impiegati nella Missione di stabilizzazione del Sud Sudan (Unmiss) avrebbe dovuto lasciato il Paese in queste ore. Il portavoce ha sottolineato che "qualsiasi persona bisognosa di protezione internazionale ha il diritto di chiedere asilo" e "non può essere rimpatriata nei Paesi di origine se sente che la sua vita o la sua libertà potrebbero essere minacciate". La notizia giunge dopo che, stando a quanto riferito da fonti di stampa, ieri sera degli scontri sarebbero scoppiati all'aeroporto internazionale di Giuba tra l'esercito federale etiope e le forze tigrine in servizio sotto il mandato della missione delle Nazioni Unite in Sud Sudan. Al momento nessuna conferma ufficiale è giunta in tal senso. Già in passato notizie simili erano state smentite dall’esercito e dal governo etiope.
(Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE