GOVERNO

 
 

Governo: Fratoianni (Si), con nuovi sottosegretari si conferma spostamento a destra

Roma, 26 feb 13:42 - (Agenzia Nova) - "Ci sono naturalmente alcuni nomi di qualità, mi pare però che la scena complessiva dalla nomina dei sottosegretari colpisca assai negativamente perché se per fare il governo dei migliori si sceglie alla cultura chi si vanta di non leggere un libro da tre anni o si manda al ministero della difesa, posizione delicatissima, un' esponente leghista nota per lo più per i suoi post sui social indicibili di incitamento all'odio e al razzismo (salvo poi scusarsi il giorno dopo come fanno di solito i leoni da tastiera in questo Paese in cui tutti e tutti si scusano ma solo dopo aver lanciato parole di odio) beh qualcosa davvero non va". Lo ha detto il segretario nazionale di Sinistra italiana Nicola Fratoianni ad "Agorà", su Rai tre. "C'è un dato politico chiaro - prosegue l'esponente della sinistra - la Lega fa la parte del leone, e Forza Italia all'editoria ripropone un'antica ed enorme questione che si chiama conflitto di interessi. Ed è incredibile pensare che la Lega sia al ministero della transizione ecologia perché è difficile immaginare la lega come una forza ambientalista o che sia al Viminale con il medesimo sottosegretario che invento i famigerati decreti sicurezza - ha aggiunto -. Mi pare che questo sia un governo in cui c'è tutto il contrario di tutto, e su ogni dossier divisivo rischio nella migliore delle ipotesi l'immobilismo e nella peggiore uno spostamento a destra nell'azione di governo. Ed è anche per questo che penso per il futuro l'alleanza tra Partito democratico, M5s e la sinistra sia l'alleanza necessaria per contrastare il vento di destra. Ma occorre investirci perché l'alleanza non può essere solo un'evocazione. E oggi ho l'impressione che nessuno lo stia facendo, mentre bisognerebbe proprio partire esattamente dalle prossime amministrative ma vedo che siamo molto indietro". (com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE