ARABIA SAUDITA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Arabia Saudita: presto al via piattaforma digitale per attirare investimenti esteri (2)

Riad, 24 feb 08:03 - (Agenzia Nova) - Riad sta lavorando ad una serie di riforme interne nel tentativo di attirare investimenti esteri. Una delle azioni più significative, ma anche controverse, è l'ultimatum lanciato da Riad alle aziende internazionali di spostare i loro hub regionali a Riad entro il 2024, pena la perdita di contratti. I milioni di dollari di costi, i cambiamenti politici improvvisi e le decisioni legali arbitrarie significano che le aziende dovranno soppesare i rischi di trasferirsi lì con i potenziali benefici promessi dalla revisione economica del principe ereditario Mohammed bin Salman. L'Arabia Saudita ha annunciato che i contratti statali andranno solo alle società con hub regionali nel Paese per fermare le "perdite" economiche. Per molti osservatori l'Arabia Saudita è "un gigante addormentato che si sta svegliando", con un mercato di consumo tre volte più grande degli Emirati Arabi Uniti, megaprogetti pianificati del valore di centinaia di miliardi di dollari e una società giovane e in rapida evoluzione, quasi irriconoscibile dal regno ultra-conservatore di cinque anni fa. Tuttavia, persistono i rischi legati all’ambiente politico che può cambiare rapidamente, mettendo in difficoltà le aziende che operano nel Paese i cui contratti sono tendenzialmente con realtà statali. Riad starebbe lavorando ad un pacchetto di incentivi particolarmente allettanti per il distretto finanziario del re Abdullah di Riad, destinato a diventare una zona economica speciale. Tra gli incentivi un'esenzione di 50 anni dall'imposta sulle società del 20 per cento e una rinuncia alle regole sull'assunzione di sauditi per almeno 10 anni. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE