LIBIA

 
 

Libia: presidente Noc attacca governatore Banca Centrale su proventi petrolio

Tripoli, 30 nov 2020 09:06 - (Agenzia Nova) - Il presidente della National Oil Corporation (Noc), Mustafa Sanallah, ha affermato che tratterrà le entrate petrolifere in conformità con la legge fino a quando non ci sarà trasparenza e un chiaro meccanismo di esborso da parte della Banca centrale della Libia. Lo riferisce il sito libico “al Wasat”. Sanallah ha spiegato in un video messaggio che la Noc ha mantenuto il denaro delle vendite nei suoi conti sovrani presso la Libyan Foreign Bank a Tripoli, rilevando la mancanza di trasparenza da parte della Banca Centrale per quanto riguarda l'esborso dei proventi del petrolio. Il capo della National Oil Corporation ha accusato il governatore della Banca centrale della Libia, Al Sadiq Al Kabir, di essere responsabile dello spreco miliardi di dollari di denaro libico. Sanallah ha indicato che il governatore della Banca centrale della Libia ha speso miliardi di dollari di proventi petroliferi per un gruppo specifico di "gatti grassi e dinosauri", mentre i libici soffrono di condizioni di vita difficili e il loro stipendio non viene pagato da più di sei mesi. "Dove sono finiti i 186 miliardi di dollari di entrate petrolifere negli ultimi anni che la Noc ha trasferito alla Banca Centrale?", ha chiesto Sanallah. “La situazione di vita dei libici è migliorata, è disponibile liquidità in contanti e sono stati realizzati nuovi progetti? In realtà no, ma piuttosto ci sono dinosauri che hanno miliardi di dollari a causa di affari loschi della banca centrale", ha detto.
(Lit)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE