NEPAL

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Nepal: crisi politica, contatti tra le due fazioni del Partito comunista e il Congresso

Katmandu, 25 feb 17:30 - (Agenzia Nova) - Sher Bahadur Deuba, presidente del Congresso nepalese (Nc), principale partito di opposizione in Nepal, ha avuto interlocuzioni con esponenti di entrambe le fazioni del Partito comunista (Ncp), di fatto scisso, dopo la sentenza della Corte suprema che ha annullato lo scioglimento della Camera dei rappresentanti, la camera bassa del parlamento. Lo riferisce il quotidiano “The Kathmandu Post”. Deuba ha ricevuto nella sua residenza Pushpa Kamal Dahal e Madhav Kumar Nepal, ma ha parlato anche con politici legati alla fazione del primo ministro, Khadga Prasad Sharma Oli, stando a quanto riferito dal giornale. Il Congresso, infatti, con i suoi 63 seggi, potrebbe fare la differenza. Tuttavia, secondo fonti del partito interpellate dalla testata, l’atteggiamento è di attesa e prudenza perché il Partito comunista non si è ancora diviso legalmente ed è quindi prematuro ipotizzare una nuova maggioranza. Pradeep Kumar Gyawali, ministro degli Esteri e portavoce della fazione di Oli, ha detto che la Camera sarà convocata come ingiunto dalla Corte (entro 13 giorni dalla sentenza, del 23 febbraio) e che il premier agirà “nel migliore interesse del Paese”. Se non si dimetterà, come ha affermato ieri il suo addetto stampa, Surya Thapa, andrà incontro a una mozione di sfiducia. Il Partito comunista ha 174 seggi (su un totale di 275) e la fazione di Dahal sostiene di controllarne 90. (segue) (Inn)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE