GRECIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Grecia: Mitsotakis annuncia misure più severe contro chi commette abusi sessuali (3)

Atene, 25 feb 12:27 - (Agenzia Nova) - Lo stesso Mitsotakis ha difeso nei giorni scorsi la ministra della Cultura, Lina Mendoni, rifiutando le richieste di dimissioni arrivate per la "cattiva" gestione del presunto scandalo che coinvolge l'attore e regista di spicco Dimitris Lignadis, accusato di stupro. La portavoce del governo di Atene, Aristotelia Peloni, ha descritto lo scorso 22 febbraio la gestione del caso da parte di Mendoni come "sfortunata", aggiungendo tuttavia che la ministra gode ancora della fiducia del premier. Lignadis, 56 anni, è comparso il 21 febbraio. Lignadis ha rassegnato le dimissioni il 6 febbraio da direttore artistico del Teatro nazionale greco dopo lo scandalo che lo ha coinvolto. Era stato nominato alla guida dello stabile proprio da Mendoni nell'agosto 2019 dopo che la ministra ha rifiutato la possibilità di indire un concorso pubblico per l'incarico. Diverse importanti associazioni culturali hanno chiesto le dimissioni di Mendoni nei giorni scorsi mentre una delegazione del sindacato dei lavoratori del teatro ha protestato il 22 febbraio davanti al ministero della Cultura ad Atene. Lignadis è accusato di stupro da parte di due uomini, con entrambi i crimini presumibilmente commessi quando i due erano minorenni. Uno di loro, che vive all'estero, dice di essere stato violentato nel 2010, all'età di 14 anni, mentre l'altro dice che il suo stupro è avvenuto nel 2015. Fonti del tribunale di Atene hanno affermato in precedenza che le accuse contro Lignadis sono ben documentate, mentre il regista nega. L'avvocato di Lignadis, Nikos Georgouleas, ha detto che il suo cliente non ha mai pensato di nascondersi o scappare. (Gra)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE