MEDITERRANEO

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Mediterraneo: Israele e Libano tentano di limitare i danni della fuoriuscita di bitume

Gerusalemme, 25 feb 12:38 - (Agenzia Nova) - Il caso del disastro ambientale per la presunta fuoriuscita di bitume al largo delle coste israeliane sta interessando anche Grecia e Libano. Per giorni, lo Stato di Israele ha mantenuto segreti i dettagli relativi al caso che sta avendo conseguenze non solo sulle coste israeliane, ma anche nel Libano meridionale. Il disastro è stato rivelato una settimana fa, quando l’Agenzia europea per la sicurezza marittima ha identificato una grande macchia sospetta, e in base a questa segnalazione il ministero dell’Ambiente israeliano sta controllando una decina di navi che hanno transitato nell’area circoscritta nel periodo antecedente. Tuttavia solo lo scorso 23 febbraio, la magistratura di Haifa ha consentito la pubblicazione di alcuni dettagli dell'indagine, ma ha continuato a bloccare la pubblicazione dei nomi delle navi sospettate di coinvolgimento nell'inquinamento. Il nome di una nave, la petroliera greca Minerva Helen, è stato menzionato da diversi media israeliani. La Minerva Marine Company ha negato alcun coinvolgimento nel disastro in una dichiarazione sul suo sito. Nella nota, la compagnia ha definito “infondate” e “imprecise” le informazioni diffuse dalla stampa israeliana, precisando che dal 4 febbraio all'11 febbraio 2021, la nave era alla deriva al largo di Port Said, in Egitto, in attesa di ordini di viaggio a vuoto, senza alcun carico a bordo. Andare alla deriva in attesa degli ordini è una pratica di routine per le navi mercantili, ha aggiunto la compagnia. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE