MIGRANTI

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Migranti: Fondazione Ismu, nel 2020 aumentati gli sbarchi, ma crisi post covid rallenterà gli arrivi (7)

Milano, 23 feb 11:51 - (Agenzia Nova) - Per quanto riguarda gli Elet (Early Leaving from Education and Training), ovvero la percentuale di giovani tra i 18 e i 24 anni che non è in possesso di un titolo di istruzione secondaria superiore o di una qualifica professionale e che non è inserita in percorsi scolastico-formativi, in circa un decennio si è verificata una riduzione percentuale di questo gruppo sia fra gli italiani sia fra gli stranieri. Tuttavia, nel 2019, gli ELET nati all’estero sono il 32,3 per cento dei 18-24enni stranieri (il 22,2 per cento nella media UE28), ovvero il triplo degli autoctoni, che si fermano all’11,3 per cento. Scelte scolastiche: nei licei aumenta la presenza degli alunni stranieri. Negli ultimi 10 anni è aumentata la presenza dei CNI nei licei e parallelamente è diminuita quella negli istituti professionali. Nell'a.s. 2018/19 i liceali arrivano a rappresentare il 30 per cento degli iscritti CNI del secondo ciclo, con quasi 60mila presenze nei licei italiani. Scenari futuri. I dati degli ultimi anni fanno prevedere una riduzione progressiva della popolazione scolastica di origine immigrata, dovuta in parte anche alle acquisizioni di cittadinanza, presumibilmente accelerata anche dagli effetti di medio-lungo termine del Coronavirus sull’abbandono degli studi, di cui si rilevano già tracce in alcune analisi di contesti locali. Un documento dell’USR Lombardia (2020) all’avvio del nuovo a.s. 2020/21, ad esempio, attesta un calo drastico nella quota di studenti stranieri presenti nelle scuole lombarde e, soprattutto milanesi, con una forte diminuzione dell’11 per cento. (Rem)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE