LIBANO

 
 

Libano: catrame sulla costa, Aoun incarica ministro Esteri di seguire questione con l’Onu

Beirut, 24 feb 19:05 - (Agenzia Nova) - Il presidente del Libano, Michel Aoun, ha chiesto oggi al ministro uscente degli Esteri, Charbel Wehbi, di “seguire” con le Nazioni Unite e con le organizzazioni internazionali la questione della chiazza di petrolio che ha raggiunto nei giorni scorsi le coste meridionali del Paese. Lo riferisce l’agenzia di stampa libanese “Nna”. Aoun ha inoltre fatto appello al ministro uscente dei Lavori pubblici e dei Trasporti, Michel Najjar, che ha informato il presidente di aver incaricato la Direzione generale dei trasporti terrestri e marittimi di “adottare le misure necessarie”. Nei giorni scorsi, venti molto forti e onde insolitamente alte hanno provocato il versamento di tonnellate di catrame sulle spiagge di Libano e Israele, da Rosh Hanikra, di fronte a Ras Naqoura, fino ad Ashkelon, quasi al confine della Striscia di Gaza. All'origine della presenza del catrame vi sarebbe la fuoriuscita di greggio da una o più petroliere in navigazione al largo del Mediterraneo circa 50 chilometri dalla costa israeliana. Una settimana fa, l’Agenzia europea per la sicurezza marittima ha identificato una grande macchia sospetta, e in base a questa segnalazione il ministero dell’Ambiente israeliano sta controllando una decina di navi che hanno transitato nell’area circoscritta nel periodo antecedente. Il governo israeliano ha stanziato ieri 45 milioni di shekel (circa 13,7 milioni di dollari) destinati a sostenere gli sforzi per ripulire il Mediterraneo e la costa israeliana dai residui di catrame presenti lungo le coste del Paese da nord a sud. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE