GERMANIA

 
 

Germania: scontro nella Grande coalizione su rinnovo Svr

Berlino, 23 feb 19:15 - (Agenzia Nova) - È di nuovo scontro al vertice nella Grande coalizione al governo in Germania dal 14 marzo 2018. Al centro dell'acceso confronto, il rinnovo della presidenza del Consiglio degli esperti per l'analisi degli sviluppi macroeconomici (Svr). Si tratta del gruppo di economisti tedeschi noto come i “Cinque saggi”, che dal 1963 esercita funzioni consultive per il governo federale. Il mandato dell'economista Lars Feld, presidente dello Svr dal 2011, è prossimo alla scadenza. L'Unione cristiano-democratica (Cdu) ha chiesto che l'incarico venga rinnovato per la terza volta, ma il Partito socialdemocratico tedesco (SpD) ha opposto un categorico rifiuto. La SpD ha quindi proposto di assegnare la guida dello Svr a due economisti vicini al partito, Marcel Fratzscher, presidente dell'Istituto tedesco per la ricerca economica di Berlino (Diw), o Jens Suedekum, professore di economia internazionale all'Università di Duesseldorf. I cristiano-democratici hanno replicato con un secco no. Ora, sulla questione è intervenuto il presidente della Cdu, Armin Laschet, primo ministro del Nordreno-Vestfalia. In particolare, Laschet ha rivolto pesanti accuse al ministro delle Finanze Olaf Scholz, candidato cancelliere della SpD alle elezioni che si terranno in Germania il 26 settembre. Su Twitter, Laschet ha scritto che Feld è stato uno dei più rinomati conoscitori dell'economia sociale di mercato. Il presidente della Cdu ha poi accusato Scholz di “arroganza” e “ignoranza” per aver impedito al presidente dello Svr, nel mezzo della pandemia di coronavirus, di continuare a svolgere il suo mandato. “Soprattutto ora nella crisi, la competenza sarebbe più importante che mai”, ha sottolineato Laschet. Il messaggio del presidente della Cdu è stto rilanciato su Twitter dal ministro dell'Economia e dell'Energia Peter Altmaier, esponente dello stesso partito. (Geb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE