AEROSPAZIO

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Aerospazio: Esa, osservatorio Cheops rivela un sistema planetario unico (4)

Roma, 25 gen 16:46 - (Agenzia Nova) - Rivelare la complessa architettura del sistema, che sfida le attuali teorie di formazione dei pianeti, è stato possibile grazie a quasi 12 giorni di osservazioni con Cheops. “Risolvere questo eccitante enigma ha richiesto un bel po’ di sforzo nella pianificazione, in particolare nel programmare gli 11 giorni di osservazioni continue necessarie per afferrare le firme dei diversi pianeti: questo studio mette molto bene in evidenza il potenziale futuro di Cheops, non solo per meglio caratterizzare i pianeti noti ma per scovarne e confermarne di nuovi”, spiega Kate Isaak, scienziata di progetto di Cheops dell’Esa. “Potremmo scoprire altri pianeti che potrebbero essere nella zona abitabile – dove acqua liquida potrebbe essere presente sulla superficie di un pianeta – che comincia al di fuori delle orbite dei pianeti che abbiamo scoperto fino a oggi: vogliamo inoltre scoprire cosa è successo al pianeta più interno che non è in sintonia con gli altri, che sospettiamo abbia rotto la risonanza a causa di forze mareali”, ha aggiunto Adrien Leleu. “Cheops non soltanto approfondirà la nostra conoscenza della formazione di esopianeti, ma anche quella del nostro stesso pianeta e del sistema solare”, aggiunge Kate Isaak. (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE