BURUNDI

 
 

Burundi: governo annuncia ritiro dalla Corte penale internazionale

Bujumbura, 07 ott 2016 11:55 - (Agenzia Nova) - Il governo del Burundi ha deciso di ritirarsi dalla Corte penale internazionale (Cpi), la cui procura aveva annunciato nei mesi scorsi un’indagine sulle violenze dello scorso anno nel paese. Lo fatto sapere il vicepresidente Gaston Sindimwo, aggiungendo che le autorità di Bujumbura non sono preoccupate dalla possibilità che la decisione, presa la scorsa notte, possa portare a un maggiore isolamento internazionale. “Per noi non è un problema, almeno godremo della nostra libertà. Gli Stati Uniti, la Russia, la Cina e alcuni nostri vicini non hanno mai ratificato la convenzione della Corte penale internazionale e non ci sembra che siano isolati”, ha dichiarato Sindimwo. Il ritiro dalla Cpi dovrà ora essere approvato dal parlamento attraverso un’apposita legge. Il Burundi sta attraversando un’acuta fase di crisi politica dall’aprile del 2015, quando il presidente Pierre Nkurunziza ha deciso di concorrere per un terzo mandato alla guida del paese, cosa ritenuta dall’opposizione e dalla società civile una violazione della Costituzione e degli accordi di pace che nel 2005 posero fine a 12 anni di guerra civile. Le violenze nel paese hanno provocato finora la morte di oltre 500 persone e la fuga di altre 200 mila dalle proprie abitazioni. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE