LIBIA

 
 

Libia: in corso iniziativa per far uscire miliziani da Derna

Tripoli, 21 mag 2018 10:03 - (Agenzia Nova) - L'ex ministro libico per la Gioventù Ibrahim Guider ha rivelato l'esistenza di un'iniziativa volta a far uscire i miliziani islamisti da Derna, nell'est della Libia, simile a quella portava avanti in Siria per lo sgombero della Ghouta orientale. L'obiettivo sarebbe quello di trasferire i miliziani da Derna a Tripoli. Con un messaggio sul suo profilo Facebook, il politico libico ha spiegato che "è in corso una discussione dopo una protesta avvenuta a Tripoli nella quale si chiedeva ai capi tribù e alle Nazioni Unite di intervenire per fermare gli scontri a Derna. La proposta sarà presentata ai capi delle forze armate legate al governo di Tripoli".

Si registra un clima di calma relativa a partire da ieri sera a Derna, nell'est della Libia, dove gli scontri a fuoco si sono momentaneamente fermati a seguito dei raid aerei condotti ieri dai caccia dell'aviazione fedele al generale Khalifa Haftar sugli obiettivi dei miliziani islamisti nella periferia cittadina. Al momento su tutte le direttrici dell'offensiva di Haftar si sono fermati gli scontri, con le squadre di esploratori che stanno cercando di capire gli effetti dei raid di ieri. Le forze di Haftar controllano ormai la maggior parte della periferia e delle alture che circondano la città. L’operazione delle forze di Haftar su Derna è stata annunciata lo scorso 14 maggio.

L’offensiva su Derna potrebbe avere un impatto sul processo elettorale in Libia, senza contare che la reazione delle potenze regionali come la Turchia potrebbe essere imprevedibile. La città è assediata da ormai diversi mesi e questo ha messo a dura prova la resistenza dei militanti, oltre che dei cittadini stessi. Le forze egiziane già nei mesi scorsi hanno effettuato diverse operazioni su Derna e altre località libiche, motivando l’intervento per sconfiggere il terrorismo, ma di fatto agevolando il compito dell'Lna. La stretta finale di Haftar su Derna pone una serie di quesiti: dall’effetto sul processo di pace in Libia, alla possibilità di indire elezioni in un contesto conflittuale così complicato; dalle possibili ulteriori violazioni del diritto internazionale umanitario da parte dell'Lna, che potrebbero configurare una responsabilità diretta di Haftar, alla reazione delle potenze regionali vicine a Misurata.

La manovra di Haftar può essere interpretata anche come una mossa politica, essenzialmente volta a stabilire un controllo totale sulla Libia orientale. Derna è infatti ad oggi l’unica città della Cirenaica fuori dal controllo dell’Lna. Avere tutto il controllo della zona costiera libica orientale sarebbe molto importante dal punto di vista politico in vista del processo elettorale. Lo schieramento principale di Derna è il Consiglio della Shura dei mujaheddin di Derna, che è associato ad Al Qaeda e i loro membri sono ex esponenti di Ansar al Sharia. Tuttavia, anche all’interno dell’Lna ci sono esponenti del salafismo jihadista che appoggiano Haftar per ragioni di natura ideologica e politica. Da un punto di vista militare, Derna appare come un obiettivo alla portata dell’Lna: una città relativamente piccola e isolata geograficamente. Il problema, tuttavia, è condurre una nuova operazione di guerriglia urbana, dopo che ci sono voluti anni per liberare Bengasi. Derna, proprio come Bengasi, è densamente popolata: liberarla potrebbe costare ad Haftar molto tempo e risorse. (Lit)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE