BURUNDI

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Burundi: Commissione elettorale, riforma costituzionale approvata con il 73 per cento dei voti (2)

Bujumbura, 21 mag 2018 17:38 - (Agenzia Nova) - Il Burundi è precipitato in una crisi nell’aprile 2015, quando il presidente Nkurunziza ha rifiutato di dimettersi dopo la fine del suo secondo mandato e ha deciso di candidarsi per un terzo mandato alle elezioni tenute nello stesso anno. Dall’inizio della crisi si stima che siano morte almeno 2 mila persone mentre altre migliaia sono state costrette alla fuga nei paesi vicini. Dallo scorso 27 ottobre, inoltre, il Burundi non è più un paese membro della Corte penale internazionale (Cpi), primo paese a lasciare l’organismo giudiziario internazionale, dopo che un anno fa il governo di Bujumbura aveva avanzato la sua proposta di ritiro. L’abbandono della Cpi, sostengono alcune organizzazioni per la protezione dei diritti umani, mira proprio ad ostacolare le indagini sugli abusi commessi dal governo in questi ultimi anni, caratterizzati da violenti scontri tra forze di polizia e manifestanti. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE