USA

 
 

Usa: muore suicida un secondo agente coinvolto negli scontri al Congresso

New York, 27 gen 23:23 - (Agenzia Nova) - Un secondo agente di polizia impegnato negli scontri del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti si è tolto la vita. Lo riferisce il quotidiano “The Hill”. Il poliziotto, che risponde al nome di Jeffrey Smith, è il secondo membro delle forze dell’ordine coinvolte nell’assalto al Congresso a togliersi la vita. Prima di lui è stato Howard Liebengood a suicidarsi il 9 gennaio, aveva 51 anni. Il capo dipartimento della polizia metropolitana Robert Contee ha identificato Smith, ferito durante l’irruzione a Capitol Hill da parte di sostenitori dell’ex presidente, Donald Trump. "E’ una circostanza molto triste e tragica per noi", ha detto Contee in conferenza stampa. "L’agente era stato ferito durante gli scontri al Campidoglio e, un paio di giorni dopo, si è tolto la vita". Il capo della polizia ha sottolineato che Smith stava andando a lavorare al George Washington Park quando si è tolto la vita. E’ quindi la polizia del parco a gestire le indagini, dal momento che la morte di Smith si è verificata all’interno della struttura. Un altro agente della polizia del Campidoglio, Brian Sicknick, è morto in ospedale il giorno dopo la rivolta, dopo essere stato colpito alla testa con un estintore. Durante gli scontri, per i quali l’ex presidente Trump sarà sottoposto a impeachment con l’accusa di “incitamento alla rivolta”, hanno perso la vita cinque persone. (Nys)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE