RUSSIA-UE

 
 

Russia-Ue: ministero Esteri Mosca, caso Navalnyj mette in discussione dialogo

Mosca, 27 gen 14:31 - (Agenzia Nova) - La situazione che si è sviluppata intorno al caso dell'attivista dell'opposizione Aleksej Navalnyj ha messo in discussione la possibilità stessa di costruire un'ulteriore interazione tra la Federazione Russa e l'Unione europea. È quanto sostiene il ministero degli Esteri russo in un documento pubblicato sul proprio portale istituzionale. Le autorità dell'Ue hanno portato avanti la loro politica di sanzioni nel 2020, "sottoponendo i russi e le imprese a restrizioni illegali", osserva il ministero degli Esteri russo. "Hanno interferito negli affari interni della nostra alleata Bielorussia. L'apogeo dei passi ostili sono state le azioni in relazione al cosiddetto avvelenamento di Aleksej Navalnyj, che mettono in dubbio la possibilità stessa di costruire un'ulteriore cooperazione con l'Unione europea", si legge nel documento. "Non ci porremo nella posizione degli offesi e interromperemo i restanti canali di dialogo. Siamo pienamente consapevoli della necessità oggettiva di un lavoro paziente al fine di costruire una cooperazione equa e reciprocamente rispettosa con l'Unione europea, ovviamente, quando sarà pronta per questo", dichiara il ministero degli Esteri di Mosca. (Rum)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE