CILE

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Cile: recuperati 300 mila posti di lavoro nel trimestre agosto-ottobre (5)

Santiago del Cile, 27 nov 2020 22:18 - (Agenzia Nova) - La stima dell'Fmi è sostanzialmente più ottimista di quella diffusa in precedenza dalla Banca Mondiale (Bm), secondo la quale il paese chiuderà il 2020 con una contrazione del 6,3 per cento del Pil. Nel rapporto semestrale della Bm dal titolo "Il costo di mantenersi sano", centrato sugli effetti causati dalla pandemia del nuovo coronavirus nella regione latinoamericana si afferma che nonostante un massiccio pacchetto di stimoli introdotto dal governo di Sebastian Pinera, "la crisi del Covid-19 ha precipitato l'economia in una profonda recessione, aumentato la povertà e ridotto le dimensioni della classe media". La crescita, si legge nel documento, "è prevista in forte ripresa nel 2021", con un rimbalzo stimato al +4,2 per cento. La ripresa avverte tuttavia la Bm, è "subordinata ad un efficace contenimento della pandemia che possa consentire una graduale riduzione degli incentivi e della spesa". L'impatto della pandemia e la forte crisi sociale scoppiata a fine del 2019 dimostrano inoltre secondo la Bm "l'importanza di rafforzare una crescita equa aumentando la produttività e riducendo le disparità di opportunità pur mantenendo una sana gestione macroeconomica".  (Bua)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE