TUNISIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Tunisia: proteste davanti al parlamento nella “giornata della rabbia nazionale” (3)

Tunisi, 26 gen 17:10 - (Agenzia Nova) - Nuovi scontri scontri tra i manifestanti tunisini e forze dell'ordine sono ripresi a Sbeitla, cittadina di circa 20 mila abitanti a 300 chilometri dalla capitale Tunisi, dopo la sepoltura di Rachdi, il giovane che secondo i dimostranti sarebbe stato ucciso da un agente di polizia. Le forze di sicurezza hanno usato gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti che hanno bloccato alcune strade della città. Rachdi è morto ieri, 25 gennaio, per un trauma cranico. Il ministero dell'Interno di Tunisi ha fatto sapere che è stata aperta un'indagine sull’accaduto, sottolineando che al momento non ci sono prove che il giovane sia stato ferito da un lacrimogeno, come invece sostengono le accuse. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE