DIFESA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Difesa: Volkswagen cede all'ultimatum del governo francese su motori diesel sottomarini

Berlino, 25 gen 08:30 - (Agenzia Nova) - Il conglomerato automobilistico tedesco Volkswagen “cede all'ultimatum” del governo francese nella disputa sui motori diesel per i sottomarini nucleari che la sua controllata Man Energy Solutions (Man Es) produce presso l'impianto di Saint-Nazaire, nel dipartimento della Loira-Atlantico. È quanto riferisce il quotidiano “Sueddeutsche Zeitung”, ricordando come Volkswagen abbia sottoposto Man Es a un severo piano di austerità, che rischia di fermare in parte la produzione dei motori destinati ai sottomarini nucleari in forza alla marina francese. Inoltre, l'iniziativa prevede il licenziamento di 65 dei 750 lavoratori della fabbrica di Man Es a Saint-Nazaire. Tale prospettiva è stata accolta con irritazione e preoccupazione a Parigi. Il 22 gennaio scorso, il ministro dell'Economia e delle Finanze francese, Bruno Le Maire, ha inviato una lettera di avvertimento all'amministratore delegato di Volkswagen, Herbert Diess. Nella missiva, Le Maire ha chiesto di conoscere entro oggi il piano di Man Es per la prosecuzione della produzione dei motori per i sottomarini nucleari francesi. Il ministro dell'Economia e delle Finanze francese ha, dunque, escluso ogni libertà di azione per Volkswagen nel piano di austerità su Man Es, qualora comporti una violazione degli obblighi contrattuali con la Francia. (segue) (Geb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE