LIBANO

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Libano: Aoun chiarisce motivi stallo governo e accusa i media di falsità (3)

Beirut, 22 gen 13:55 - (Agenzia Nova) - La presidenza libanese è intervenuta anche sulla nomina dei ministri. "Per quanto riguarda la scelta dei ministri, la loro nomina e la distribuzione dei portafogli ministeriali, la questione non è monopolio del presidente del Consiglio, come risulta dal paragrafo 4 dell'articolo 53 e dal paragrafo 2 dell'articolo 64 della Costituzione, che dimostra che il presidente Aoun ha il diritto, dalla Costituzione, di approvare l'intera composizione del governo prima di firmare", prosegue la presidenza. Aoun ha criticato, inoltre, Hariri per aver vietato al blocco legato alla presidenza di nominare ministri cristiani o un altro ministro sunnita, mentre si concede il lusso di nominare un ministro cristiano. In questo contesto di tensione tra Aoun e Hariri, si sono susseguite iniziative per riavviare il dialogo e formare il governo. Il patriarca maronita, Bechara Rai, e il primo ministro uscente, Hassan Diab, hanno cercato di facilitare un incontro tra Aoun e Hariri, che non si vedono da più di un mese. Ma queste mediazioni finora sono rimaste infruttuose, mentre il presidente del parlamento, Nabih Berri, noto per le sue mediazioni politiche, ha mantenuto un profilo basso. Gli osservatori si aspettano una mediazione dal direttore della Sicurezza generale, Abbas Ibrahim, noto anche per le sue capacità di negoziazione. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE