COVID

 
 

Covid: Kyriakides (Ue), vaccino non farà subito cadere misure, serve pazienza

Roma, 24 nov 2020 20:23 - (Agenzia Nova) - Il vaccino contro il Covid non farà cadere le misure di contenimento dall'oggi al domani, bisognerà continuare a rispettarle fin tanto che non sarà vaccinata una quota significativa della popolazione europea. Lo ha detto la commissaria europea alla Salute, Stella Kyriakides, alla trasmissione Tv "diMartedì" su "La7" condotta da Giovanni Floris. "L'unico modo per uscire dalla pandemia è trovare un vaccino e la strategia europea per i vaccini negli ultimi sei mesi ha comportato il fatto che abbiamo raggiunto sei accordi con sei vaccini potenziali che saranno disponibili per tutti gli Stati membri, allo stesso momento, con la stessa tempistica", ha spiegato. Questo, secondo Kyriakides, dimostra quanto è importante la "solidarietà" nell'Ue. "Lavorando insieme abbiamo un portafoglio di 6 vaccini e stiamo aspettando le autorizzazioni dall'Agenzia europea dei medicinali (Ema) così che possano essere valutati e, se tutto andrà bene, sarà concessa l'autorizzazione", ha aggiunto.

"Non mi piace dare tempistiche o scadenze" sull'arrivo del vaccino. "Posso dire che ci siamo preparati e nel momento in cui chiederanno l'autorizzazione, l'Ema lavorerà per raggiungere una decisione. Ma non posso dire se sarà la metà di dicembre o la fine. Quello che io direi è che, sebbene noi ci stiamo muovendo velocemente, non lo faremo a scapito della sicurezza", ha evidenziato. "E' estremamente importante per noi che i cittadini europei sappiano che una volta che un vaccino sarà autorizzato dovrà rispettare tutti i criteri dell'Ema, non solo in efficienza, ma anche in sicurezza. Perché questo aumenterà i vantaggi della vaccinazione per gli europei. Non sono i vaccini che salvano la vita, è la vaccinazione che lo fa", ha specificato.

"Penso che una volta che avremo un vaccino efficace e sicuro, questo sarà un segno di speranza per tutti noi. Abbiamo visto come le nostre vite sono state stravolte dall'oggi al domani negli ultimi 10 mesi. So quanto questo sia difficile, so che è una grandissima sfida per le economie e le imprese. Ma chiedo ai cittadini di continuare a esercitare pazienza", ha detto. Perché quando arriverà un vaccino, "non potremo interrompere le misure", ma "dovremo continuare a mantenerle" fintanto che non "sarà vaccinata una percentuale significativa della popolazione". L'obbligatorietà dei vaccini è "competenza degli Stati membri", ha dichiarato Kyriakides rispondendo a una domanda di Floris. "Quello che posso dire è che la questione non è l'obbligatorietà: occorre essere trasparenti e chiari nella comunicazione così da far capire ai cittadini che il vaccino è il più sicuro possibile", ha concluso aggiungendo che su questo la Commissione sta lavorando a stretto contatto con i Paesi Ue. (Beb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE