SCUOLA, A MILANO PRESIDIO SOTTO PALAZZO PIRELLI

 
 

Scuola, a Milano presidio sotto Palazzo Pirelli: "Torniamo alla didattica in presenza"

Scuola, a Milano presidio sotto Palazzo Pirelli:
Milano , 01 dic 2020 11:27 - (Agenzia Nova) - Una delegazione del comitato "A scuola", che questa mattina ha manifestato sotto Palazzo Pirelli per chiedere la riapertura delle scuole, verrà ricevuta dal presidente del Consiglio regionale regionale lombardo Alessandro Fermi e dai capigruppo, a margine dei lavori dell'aula. "Abbiamo fatto delle proposte operative per il ritorno a scuola in presenza in sicurezza, relative al trasporto, allo scaglionamento e al tracciamento, perché riteniamo che si possa tornare a scuola in sicurezza anche guardando all'esempio di altre nazioni. In questo momento di secondo lockdown noi come Italia eravamo gli unici ad aver chiuso le scuole a differenza ad esempio di Francia, Spagna, Regno Unito e Germania che le hanno tenute aperte, e loro non sono diversi da noi", ha dichiarato durante il presidio Lisa Jucca di "A scuola". I manifestanti hanno sottolineato come "sono stati aperti parrucchieri e centri estetici, non riteniamo accettabile che la scuola non sia in presenza per un numero considerevole di studenti". Il comitato è sorto spontaneamente meno di un mese fa sull'onda del secondo lockdown e "la nostra petizione, che abbiamo lanciato solo cinque giorni fa, ha già raccolto oltre 700 firme. Siamo un comitato sorto nell'area milanese - ha aggiunto Jucca - ma non siamo solo milanesi e tutti i giorni da oltre due settimane teniamo un presidio in presenza in piazza della Scala, per ricordare l'importanza della scuola che non deve essere 'di emergenza' ma 'vera scuola' dove si apprende e si fa uno scambio sociale".

"Vogliamo chiedere alla Regione cosa è stato fatto concretamente, sono passati oltre dieci mesi dall'inizio della pandemia, noi chiederemo la riapertura se possibile già dal 9 di dicembre, ma soprattutto che non si manchi l'appuntamento imprescindibile del 7 gennaio, che ci diano garanzie su cosa si farà per arrivare pronti a questo appuntamento, a cui rischiamo di arrivare con i contagi nuovamente in rialzo a causa delle festività natalizie, va messo in conto. Noi temiamo che questa sarà la scusa per continuare con la didattica a distanza e questo non è accettabile". Presenti al presidio anche alcuni studenti delle scuole superiori che fanno parte dell'organizzazione "Studenti presenti" che da settimane stanno facendo dei sit-in sotto il Palazzo di Regione Lombardia per chiedere il ritorno a scuola in presenza, portando avanti anche proposte che riguardano soprattutto il trasporto: "Chiediamo un trasporto ad hoc per gli studenti in una grande città metropolitana come Milano e fare in modo di separare i flussi di studenti e lavoratori", hanno detto Giulio e Chiara, due giovani rappresentanti dell'organizzazione. (Rem)
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE