SIRIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Siria: rinforzi Usa dall’Iraq per la base di al Tanf e i giacimenti controllati dai curdi (4)

Roma, 22 gen 19:22 - (Agenzia Nova) - Intanto la Russia sta rafforzando la propria presenza militare nell’est della Siria. Facendo seguito agli annunci di un imminente ritiro dalla Siria fatto nel corso del 2020 dall’amministrazione Trump, Mosca si è posta sempre di più come un possibile alleato dell’Amministrazione autonoma curdo-siriana nel quadro di tensioni registrate nel nord-est della Siria fra le Forze democratiche siriane (Fds) e le milizie sostenute dalle forze della Turchia. All’inizio di questa settimana, la Russia ha incontrato presso una base russa all’aeroporto di Qamishli, nel governatorato di Al Hasaka, i comandanti delle forze di Damasco e delle Fds. Scopo dell’incontro era calmare le tensioni in quattro regioni, su tutti Al Hasaka e Qamishli, la regione di Al Shabha a nord di Aleppo, e i quartieri orientali di Aleppo, con la Russia che avrebbe proposto un’iniziativa per ridurre le tensioni sulla base di un accordo fra le parti, siglato con Mosca e l’Iran in veste di garanti. In questo contesto le forze della Russia, cercando di imporre una nuova realtà a est dell’Eufrate, hanno rafforzato le loro basi inviando nuove unità militari nella campagna del governatorato di Al Hasaka (più di 300 persone), che hanno raggiunto la base russa a Qamishli tramite l’autostrada M4, e 40 elementi aggiuntivi, appartenenti alle forze della compagnia Wagner (giunti a bordo di un aereo dalla base di Hmaimim). (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE