UE

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Ue: premier greco, certificato di vaccinazione sarà "corsia preferenziale" per ridurre ritardi (4)

Atene, 21 gen 13:07 - (Agenzia Nova) - Gli obiettivi quantitativi della vaccinazione sono rispettabili e, in merito ai passaporti, la Commissione europea ritiene che i certificati debbano essere riconosciuti in tutta l'Unione europea, ha detto nei giorni scorsi il vice presidente della Commissione europea, Margaritis Schinas, dopo l'approvazione della comunicazione della Commissione europea sulla lotta al Covid e la vaccinazione nell'Unione europea. "Ci sono obiettivi quantitativi" per la vaccinazione "e riteniamo che questi obiettivi sono più che rispettabili", ha detto. "Nessuno nella Commissione europea ha mai parlato di passaporto, è un termine utilizzato dai media ed è fuorviante questa terminologia. Noi abbiamo utilizzato la parola certificato di vaccinazione", ha continuato. "Questi certificati devono essere riconosciuti in tutta l'Ue e anche oltre. E' il momento di vedere come l'uso può essere fatto in modo da consentire viaggi e mobilità in condizioni di sicurezza, ma non siamo oggi noi a determinarne l'uso futuro perché questo presuppone un numero maggiore di persone vaccinate e una discussione politica tra i leader", ha spiegato. La commissaria alla Salute, Stella Kyriakides, ha aggiunto sempre ieri che i certificati sono strumenti "di politica sanitaria" che "consentono di registrare la storia di vaccinazione delle singole persone". E "credo sia un po' troppo presto per prevedere l'uso di questi certificati per altri scopi, al di fuori di quelli sanitari. In futuro vedremo", ha detto. (Gra)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE