QATAR-ITALIA

 
 

Qatar-Italia: la visita del ministro Alfano a Doha conferma la solidità dei rapporti bilaterali

Roma, 01 mar 2018 18:46 - (Agenzia Nova) - Il rafforzamento delle relazioni tra Italia e Qatar e le strategie per raggiungere tale obiettivo: sono stati questi i temi principali della visita effettuata oggi a Doha dal ministro degli Esteri e della cooperazione internazionale, Angelino Alfano. Nella capitale dell’emirato, il titolare della Farnesina ha incontrato il ministro degli Esteri del Qatar, Mohammed bin Abdulrahman al Thani. Il colloquio è stato dedicato alle questioni di reciproco interesse e ai rapporti tra Roma e Doha. Particolare attenzione è stata data alle modalità per sviluppare e rafforzare le relazioni bilaterali in diversi settori. Da parte sua, Al Thani si è detto “molto felice” per la visita di Alfano a Doha, “parte delle costanti consultazioni bilaterali tra Qatar e Italia”. Per il titolare degli Esteri qatariota, i due paesi sono “determinati ad approfondire” una partnership “forte e vitale”. I legami tra Italia e Qatar sono stati poi discussi nel corso dell’incontro tra Alfano e il premier e ministro dell’Interno qatariota, Abdullah bin Nasser bin Khalifa al Thani.

Durante l’incontro, le parti hanno ribadito la centralità dei rapporti bilaterali, soffermandosi sui modi per sviluppare e rafforzare le relazioni tra Italia e Qatar. Secondo il programma diffuso dalla Farnesina alla vigilia della partenza di Alfano per Doha, al termine dell’incontro tra Alfano e Al Thani è stato organizzato un pranzo per i due ministri degli Esteri. All'evento era prevista la partecipazione di Abdullah bin Mohammed bin Saud al Thani, amministratore delegato dell'Autorità per gli investimenti del Qatar (Qia), e Akbar al Baker, amministratore delegato di Qatar Airways. Terminato il pranzo, il ministro Alfano è intervenuto all’inaugurazione della Giornata del design italiano nel mondo al Msheireb Center di Doha. Alfano ha commentato l’evento affermando che “design e sostenibilità si incrociano per generare nuove idee, progetti e iniziative comuni”. Il ministro degli Esteri italiano ha poi elogiato il ruolo del design italiano nel Golfo. Nella regione, ha sottolineato Alfano, “la domanda di design italiano è in costante crescita e supera i 20 miliardi l’anno”.

Come dimostra l’odierna visita di Alfano, le relazioni tra Italia e Qatar costituiscono una partnership strategica che entrambe le parti intendono approfondire e sviluppare. Testimonianza dello stretto legame tra Roma e Doha, sono le numerose visite effettuate dalle autorità italiane nell’emirato negli ultimi tempi. Il 5 febbraio scorso è stato il ministro dell’Interno a recarsi in Qatar. Durante la visita del responsabile del Viminale sono stati firmati i protocolli per l’entrata in vigore del memorandum d'intesa tra Italia e Qatar sulla lotta alla criminalità. Il primo novembre 2017 era stato il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, a recarsi in visita a Doha. Nella capitale del Qatar, il capo del governo italiano aveva incontrato l’emiro Tamim bin Hamad al Thani. Al centro della visita, il rafforzamento della cooperazione economica e commerciale tra Italia e Qatar e i piani per stabilire la prima scuola italiana e un centro per il design e la moda nel paese del Golfo. Ad accompagnare Gentiloni nella visita in Qatar vi erano gli amministratori delegati delle principali aziende italiane: Eni, Leonardo e Fincantieri. A sottolineare l’importanza che Italia e Qatar assegnano ai reciproci rapporti, specialmente in ambito economico, è giunto, il 19 febbraio scorso, il lancio della compagnia aerea Air Italy, nuovo nome di Meridiana, secondo vettore italiano partecipato al 49 per cento da Qatar Airways, la compagnia di bandiera di Doha.

Il Qatar, primo esportatore di gas naturale liquefatto al mondo (Gnl), è divenuto soprattutto negli ultimi anni un partner importante dell’Italia nel Golfo. Nel 2016, i rapporti commerciali tra Roma e Doha hanno raggiunto un valore di 1,755 miliardi di euro. In particolare, il valore delle esportazioni italiane nell’emirato è stato pari a 906,79 milioni di euro, con una prevalenza di macchinari e attrezzature (270,15 milioni di euro). Le importazioni dal Qatar si sono attestate intorno a 848,32 milioni di euro, con una prevalenza di prodotti minerari (348,47 milioni di euro). Il dato delle esportazioni primo trimestre del 2017 ha visto una flessione rispetto allo stesso periodo del 2016, attestandosi intorno a 294,51 milioni di euro, rispetto ai 309,66 milioni di euro dell’anno precedente. In crescita, invece, le importazioni salite a 360,17 di euro rispetto ai 317 milioni di euro dello stesso periodo del 2016.

Per quanto riguarda gli investimenti, il Qatar ha importanti interessi in Italia. Oltre a diverse partecipazioni, come quella in Air Italy, l’emirato possiede importanti proprietà immobiliari, tra cui l’Hotel Gallia a Milano, l’area di Porta Nuova a Milano. Per quanto riguarda gli acquisti e gli investimenti in aziende italiane vi sono fra le più importanti l’acquisizione nel 2012 della maison Valentino e l’entrata del Fondo di investimento del Qatar (Qia) con 165 milioni di euro nel capitale di Inalca, la società del gruppo Cremonini, insieme al Fondo Strategico italiano.

La cooperazione tra Italia e Qatar non trascura il settore della difesa. Durante una visita a Doha del 2 agosto 2017, il ministro Alfano ha, infatti confermato l'accordo per la fornitura a Doha di sette unità navali realizzate in Italia per un valore di 5 miliardi di dollari. La fornitura rientra nel memorandum d’intesa per la cooperazione nel settore navale tra Italia e Qatar firmato nel giugno 2016 a Roma dal ministro della Difesa italiano, Roberta Pinotti, e dall’omologo qatariota, Khalid bin Muhammad al Attiyah. Considerati gli stretti legami tra l’Italia e il Qatar, la visita odierna di Alfano a Doha rappresenta un ulteriore avanzamento nei rapporti bilaterali, che paiono promettere reciproci vantaggi nel prossimo futuro. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE