MALDIVE

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Maldive: il partito pro-indiano del presidente Solih vince le elezioni parlamentari (2)

Male, 09 apr 2019 04:29 - (Agenzia Nova) - Il nuovo governo delle Maldive, guidato dal presidente Solih, intende abbandonare l’accordo di libero scambio sottoscritto dal precedente Governo con la Cina. Lo ha dichiarato alla fine del mese scorso Mohamed Nasheed, leader del Partito democratico maldiviano, la principale formazione politica che sostiene il nuovo governo. “Lo squilibrio commerciale tra Cina e Maldive è di proporzioni tali che nessuno concepirebbe mai un accordo di libero scambio tra le due parti”, ha dichiarato Nasheed, scagliandosi di fatto contro l’ex presidente Abdulla Yameen. L’annuncio di Nasheed è l’ennesimo segnale del brusco tentativo di allontanamento dall’orbita cinese intrapreso dal nuovo governo Mladiviano, dopo il periodo di crisi politico-istituzionale culminato nelle elezioni dello scorso settembre. “La Cina non compra nulla da noi. E’ un trattato a senso unico”, ha detto Nasheed. Assumendo formalmente la carica di presidente, nella giornata di sabato, Solih ha dichiarato che le casse dello Stato sono state “razziate” dalla precedente amministrazioni, ed ha anticipato gravi difficoltà finanziarie legate all’enorme debito contratto da Male con la Cina. (segue) (Inn)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE