COVID

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Covid: Istat, pesante impatto su agriturismo e servizi connessi

Roma, 22 gen 11:40 - (Agenzia Nova) - Nel 2020 la produzione dell’agricoltura si è ridotta del 3,3 per cento in volume ed il valore aggiunto del 6,1 per cento. L’annata non è stata favorevole per la maggior parte dei prodotti agricoli, in particolare per la produzione di olio che ha subito un drastico ridimensionamento; inoltre, la performance dell’agricoltura è stata fortemente condizionata dall’impatto della pandemia da Covid-19, in particolare per quanto riguarda le attività dei servizi e le attività secondarie delle aziende agricole. Così l'Istat nella stima preliminare dell’andamento del settore agricolo per l’anno appena trascorso. Secondo le rilevazioni la produzione delle attività secondarie non agricole, dopo molti anni di continua crescita, ha fatto segnare un calo senza precedenti (-18,9 per cento). Importanti perdite sono state registrate soprattutto per le attività legate all’agriturismo, a causa della prolungata chiusura delle strutture ricettive e del forte calo delle presenze, e per la manutenzione paesaggistica e di parchi e giardini mentre segnali positivi provengono dalla produzione di energia rinnovabile. Rilevante anche la contrazione della produzione di servizi (-3,8 per cento), riconducibile essenzialmente al ridimensionamento dell’attività di prima lavorazione dei prodotti. La produzione di beni agricoli ha subito un calo in volume più contenuto, pari all’1,5 per cento. Le misure restrittive introdotte per contrastare la diffusione della pandemia hanno interrotto il trend espansivo degli ultimi anni del settore florovivaistico, la cui produzione si è ridotta dell’8 per cento in volume rispetto al 2019. (segue) (Ren)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE