INDIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

India: protesta agricoltori, iniziato undicesimo confronto sindacati-governo

Nuova Delhi, 22 gen 09:57 - (Agenzia Nova) - È iniziato da poco a Nuova Delhi, nel centro congressi Vigyan Bhavan, l’undicesimo incontro tra i rappresentanti del governo indiano e quelli degli agricoltori che contestano tre leggi di riforma del commercio agricolo approvate a settembre. Il precedente si è svolto il 20 gennaio e l’esecutivo ha proposto alla controparte di sospendere l’attuazione delle leggi per 18 mesi. L’attuazione delle tre leggi è già sospesa al momento per intervento della Corte suprema. Ieri l’offerta è stata respinta dal Samyukt Kisan Morcha, il “fronte unito” che raggruppa una quarantina di organizzazioni sindacali coinvolte nella vertenza. I coltivatori hanno ribadito di volere l’abrogazione delle tre leggi e non hanno rinunciato all’idea di organizzare una “marcia di trattori” il 26 gennaio, giorno della Festa della Repubblica. A questo proposito la Corte suprema ha affermato che si tratta di una questione di ordine pubblico di competenza della polizia della capitale, rifiutando di emettere un’ingiunzione. Le leggi contestate permettono agli agricoltori di vendere i loro prodotti al mercato libero, incluse le catene di supermercati, senza dover passare dalle organizzazioni statali che garantiscono un prezzo minimo. Secondo i detrattori, in questo modo i coltivatori perderanno potere contrattuale e diventeranno vulnerabili allo sfruttamento da parte delle grandi corporazioni. Secondo il governo, invece, saranno ridotte le barriere interstatali e sarà creato un mercato agricolo unico e ciò permetterà agli agricoltori di ridurre i rischi e i costi della commercializzazione e di attrarre investimenti. (segue) (Inn)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE