DIFESA

 
 

Difesa: generale Graziano, Mediterraneo centro di gravità degli equilibri geopolitici

Roma, 26 nov 2020 10:51 - (Agenzia Nova) - Il Mediterraneo è tornato ad essere il principale centro di gravità per più ampi equilibri geopolitici, essendo al crocevia di tre continenti, una porta per l'Europa e il terminale delle crisi che insistono nella regione, ed è qui che l'Europa ha rivolto la sua attenzione. Lo ha detto il presidente del Comitato militare dell'Unione europea, il generale Claudio Graziano, alla nona edizione di Shade Med - "Shared Awareness and De-confliction for the Mediterranean Sea", la conferenza organizzata online dall'operazione Eunavfor Med “Irini” "La pandemia ha contribuito a complicare tutti gli aspetti della nostra vita. Ma ha anche influenzato direttamente molte delle sfide alla sicurezza che stavamo affrontando prima dello scoppio", ha ricordato. E lo scenario "ora richiede urgentemente un approccio congiunto da parte di tutti noi".

Questa crisi, oltre a peggiorare "uno scenario di sicurezza già compromesso dalle minacce esistenti, come il terrorismo internazionale, stati falliti, migrazione incontrollata, disinformazione, ibrido e cyber", ha anche portato all'attenzione "altre minacce in settori non convenzionali, come la salute, il clima o persino l'energia". Graziano ha sottolineato che l'impatto della pandemia "è stato grave a livello globale", ma ha avuto "un effetto forte in quelle regioni già devastate dai conflitti e in quei Paesi con fragili condizioni socioeconomiche". E questo "è particolarmente vero nella più ampia area mediterranea, dalla Libia al Sahel, con dinamiche magmatiche piene di crisi, che fanno di questa regione una delle più volatili al mondo, con ripercussioni geopolitiche che vanno ben oltre i suoi confini geografici".

Pertanto, secondo Graziano, il mar Mediterraneo si presenta come "il principale centro di gravità per più ampi equilibri geopolitici, essendo al crocevia di tre continenti e una porta per l'Europa, e il terminale delle crisi che insistono nella regione (del Medio Oriente e del nord Africa) Mena e nel Sahel". E' qui che "l'Europa ha rivolto la sua attenzione, all'Africa e alle cause profonde dei problemi, quello che chiamo il triangolo dell'instabilità, fatto di terrorismo internazionale, migrazione illegale e sicurezza complessivamente degradata in tutta la regione", ha detto. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE