CILE

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Cile: recuperati 300 mila posti di lavoro nel trimestre agosto-ottobre (4)

Santiago del Cile, 27 nov 2020 22:18 - (Agenzia Nova) - Nel suo ultimo World economic outlook, l'Fmi aveva rivisto al rialzo le proiezioni di crescita per il Cile nel 2020, portandole ad un -4,4 per cento dal -5,2 stimato lo scorso giugno. A giustificare il miglioramento della stima sulla crescita, si legge nel documento, è essenzialmente la congiuntura legata all'aumento del prezzo internazionale del rame, principale voce dell'export cileno. Il prezzo del cosiddetto oro rosso, sottolinea l'Fmi, ha infatti registrato un incremento del 14,4 per cento nel contesto della pandemia alimentato dalla crescente domanda dalla Cina. Sul fronte dell'inflazione il Weo indica per il 2020 un indice del +2,9 per cento che passerebbe nel 2020 al +2,7 per cento. Forte la crescita della disoccupazione stimata dall'Fmi che passerebbe dal 7,2 per cento del 2019, all'11,4 per cento del 2021. Leggero miglioramento previsto invece sul fronte del conto delle partite correnti, che registrerebbe nel 2020 un -1,6 per cento contro il -3,8 per cento del 2019. (segue) (Bua)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE