ARMENIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Armenia: premier Pashinyan a "la Repubblica", è ricominciato il genocidio turco contro di noi

Erevan, 09 ott 2020 09:32 - (Agenzia Nova) - "Il ritorno dei turchi nel Sud del Caucaso segna la ripresa del genocidio degli armeni d'un secolo fa, quando l'impero Ottomano massacrò un milione e mezzo di noi", sostiene in una intervista a "la Repubblica" il primo ministro Nikol Pashinyan, l'ex giornalista d'inchiesta ed ex oppositore al regime corrotto e filorusso dell'Armenia che nel 2018 ha conquistato il potere organizzando pacifiche manifestazioni in tutto il Paese. "Incoraggiata dalla Turchia, l'aggressione dell'Azerbaigian contro gli armeni del Nagorno-Karabakh è una guerra terrorista contro un popolo che lotta per la sua libertà", prosegue Pashinyan. "Gli azeri bombardano indiscriminatamente città e villaggi, colpendo soprattutto i civili, i quali sono costretti a lasciare le loro case e a trincerarsi nei rifugi. Al fronte, invece, ancora si combatte intensamente, ma al momento gli armeni resistono e gli azeri non possono rivendicare nessun successo strategico sul terreno". Conferma il diretto coinvolgimento militare dl Ankara. "Da dieci giorni i nostri soldati cadono sotto i razzi dei caccia F-16 turchi, gli stessi che ieri in una foto pubblicata dal New York Times si vedono parcheggiati all'aeroporto azero di Ganja. E poi, mentre tutti i grandi leader del pianeta chiedono un immediato cessate il fuoco, Ankara invita Baku a non far tacere le armi, dimostrando di essere al fianco degli azeri sia sul piano diplomatico sia su quello militare". (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE