IRAQ

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Iraq: risultato elezioni apre a un governo di larghe intese, ma le divisioni restano (7)

Baghdad , 18 mag 2018 17:40 - (Agenzia Nova) - Tra i possibili alleati di governo di al Sairoon vi sarebbe anche la coalizione sunnita al Wataniya o Coalizione nazionale, guidata dal laico Ayad Allawi, presidente del governo provvisorio iracheno nel 2003, primo ministro dal 2004 al 2006 e vicepresidente della Repubblica dal 2014. Oltre ai sostenitori di Allawi, al Wataniya comprende i seguaci di Salim al Jubouri, attualmente presidente della Camera dei rappresentanti di Baghdad, e il Fronte iracheno per il dialogo nazionale di Saleh al Mutlaq. Al Sadr esclude, invece, ogni intesa con la coalizione sciita Dawlat al Qanun (“Stato di diritto”) del vicepresidente della Repubblica irachena, Nuri al Maliki, già primo ministro dal 2006 al 2014. Questi è uno storico avversario di Abadi, da cui è stato sostituito alla guida di al Dawa nel 2014. Il contrasto tra Maliki e Abadi è un esempio delle divisioni intra-partitiche che caratterizzano il sistema politico iracheno e che si sommano alle tradizionali fratture religiose ed etniche. In particolare, Maliki, che è di confessione sciita, è stato accusato di settarismo e criticato per la sua vicinanza all’Iran, che secondo i critici costituirebbe una minaccia all’indipendenza dell’Iraq. (segue) (Irb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE