CIAD

 
 

Ciad: autorità chiudono frontiera con la Libia, “rischio infiltrazioni terroristiche”

N’Djamena, 05 gen 2017 18:54 - (Agenzia Nova) - Le autorità del Ciad hanno chiuso temporaneamente la frontiera con la Libia a causa del rischio di “infiltrazioni terroristiche”. Lo ha annunciato in un discorso radiofonico e televisivo il primo ministro, Albert Pahimi Padacket. “Di fronte ai pericoli che stanno minacciando l’integrità del nostro territorio, il governo ha deciso di chiudere la frontiera con la Libia”, ha dichiarato il capo del governo di N’Djamena, aggiungendo che le aree lungo il confine sono state proclamate “zone militari”. I gruppi armati libici recentemente costretti ad arretrare il proprio raggio d’azione, ha spiegato Pahimi Padacket, potrebbero essere tentati dal rifugiarsi nei vasti territori desertici della regione settentrionale del Ciad, mettendone a rischio la sicurezza. Secondo alcuni osservatori, tuttavia, il vero obiettivo del governo sarebbe un movimento ribelle ciadiano, il Fronte per l’alternanza e la concordia nel Ciad (Fax), che lo scorso aprile ha reso noto di aver stabilito una roccaforte proprio lungo il confine con la Libia. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE