ITALIA-EGITTO

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Italia-Egitto: caso Regeni, ministro Alfano lancia appello all'unità per far luce sul caso

Roma, 04 set 2017 17:01 - (Agenzia Nova) - L’Italia deve rimanere unita per dare una "grande spinta" al lavoro della Procura della Repubblica e all’azione dell’ambasciatore italiano al Cairo, Giampolo Cantini, che assumerà ufficialmente l’incarico il prossimo 14 settembre, per far luce sul caso di Giulio Regeni, il giovane ricercatore italiano trovato morto il 3 febbraio 2016 in una strada alla periferia del Cairo con evidenti segni di tortura sul corpo. Questo l’appello lanciato oggi dal ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Angelino Alfano, durante un’audizione sui rapporti tra l’Italia e l’Egitto alle commissioni Esteri di Camera e Senato. “L’appello è a che superata questa fase dell’assunzione dell’incarico dell’ambasciatore Cantini, il paese tutto e il parlamento che lo rappresenta possano recuperare quella dimensione unitaria perché la ricerca della verità attraverso la Procura della Repubblica e attraverso la nostra azione diplomatica possa avere la grande spinta di un grande paese, di una grande democrazia e di un grande popolo come quello italiano”, ha detto Alfano. (segue) (Asc)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE