ITALIA-EGITTO

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Italia-Egitto: caso Regeni, ministro Alfano lancia appello all'unità per far luce sul caso (6)

Roma, 04 set 2017 17:01 - (Agenzia Nova) - La posizione dell’Egitto di paese chiave nel Mediterraneo e di partner privilegiato “non potrà mai essere considerato un impedimento alla ricerca della verità” sul caso di Giulio Regeni, “ma è semmai un incentivo”, ha aggiunto Alfano. “Le indagini dovranno proseguire con vigore. Continueremo ad accertarci della piena collaborazione da parte delle autorità egiziane. Lo dobbiamo a Giulio, alla sua famiglia e a tutti gli italiani”, ha spiegato Alfano. Un nuovo incontro tra i team investigativi italiano ed egiziano sul caso di Giulio Regeni dovrebbe tenersi a breve nel mese di settembre, ha spiegato il titolare della Farnesina. “Entrambe le parti hanno assicurato che l’attività investigativa e la cooperazione continueranno fino a quando non sarà raggiunta la verità in ordine a tutte le circostanze che hanno portato al sequestro, alle torture e alla morte di Giulio Regeni”, ha detto Alfano, citando un comunicato congiunto dei due team investigativi pubblicato al termine dell’ultimo incontro avvenuto ad agosto. Il governo italiano, da parte sua, ha sostenuto “con passi politico-diplomatici” il lavoro investigativo coordinato dalla Procura di Roma in via bilaterale con le autorità egiziane, per lo più a margine di conferenze internazionali. “Al mio omologo (Sameh) Shoukry, incontrato a Washington lo scorso marzo, ho chiesto in maniera molto netta e chiara di fare in modo che gli atti su Giulio Regeni richiesti dalla Procura di Roma vengano al più presto trasmessi", ha detto Alfano. (segue) (Asc)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE