LIBIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Libia: l'operazione "Irini" inizia le attività in mare (2)

Roma, 07 mag 2020 16:06 - (Agenzia Nova) - La missione dell'Unione europea Irini (dal nome greco della dea "pace") è stata pianificata in pochissimo tempo e lanciata il 31 marzo a seguito di una decisione del Consiglio europeo. Il compito principale è quello di far rispettare l'embargo di armi verso la Libia previsto dalle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell'Onu. L'operazione avrà anche i compiti secondari di monitorare il traffico illegale di petrolio dalla Libia, contribuendo a smantellare il traffico di uomini e le attività di contrabbando (attraverso il controllo aereo) e darà assistenza alla formazione della Guardia Costiera e Marina libica. "Con la chiusura della Force Generation Conference lo scorso 28 aprile, l'operazione Irini ha potuto iniziare le attività in mare con i primi mezzi messi subito a disposizione. A questi si uniranno, a breve, gli altri assetti resi disponibili dagli Stati membri", ha dichiarato l'ammiraglio Fabio Agostini, comandante dell'operazione dell'Unione europea che esercita le sue funzioni dal quartiere generale situato a Roma nella sede del Centro Operativo Interforze di Centocelle. Mezzi come la nave francese Jean Bart, assicura EuNavFor Med in un comunicato, sono particolarmente preziosi per l'operazione in quanto hanno la capacità di monitorare sia il traffico marittimo che aereo. "Questo doppio possibilità è essenziale per l'attuazione del mandato dell'operazione nel pieno rispetto della conferenza di Berlino, garantendo imparzialità nel conflitto", sottolinea un comunicato diffuso dalla missione "Irini". (segue) (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE