SPECIALE INFRASTRUTTURE

 
 
 

Speciale infrastrutture: Breton, Europa sviluppi terza infrastruttura oltre a Galileo e Copernico

Bruxelles, 13 gen 16:00 - (Agenzia Nova) - Breton ha spiegato che, per essere pronti, alcune settimane fa la Commissione ha lanciato uno studio su un sistema di connettività spaziale sicuro. Il consorzio selezionato composto da produttori di satelliti europei, operatori e fornitori di servizi, operatori di telecomunicazioni e fornitori di servizi di lancio studierà la possibile progettazione e sviluppo di questo progetto. "Ciò fornirà approfondimenti sulla dimensione tecnica, ma anche sulla struttura di governance, il finanziamento, le missioni, l'ambito esatto. Mi aspetto il loro primo feedback nell'aprile di quest'anno", ha aggiunto. "Il mio messaggio è chiaro: questo non è un progetto spaziale 'business as usual'. È più ampio. Dovrà fare affidamento sull'industria di diversi settori. Dobbiamo pensare fuori dagli schemi, anche in termini di finanziamento, dove dovremo mobilitare tutte le possibili fonti: bilancio dell'Ue, Stati membri, Esa e settore privato", ha spiegato. Tecnicamente, per il commissario questo progetto deve essere concepito come un'iniziativa multiorbitale, combinando le infrastrutture Leo (low Earth orbit, bassa orbita terrestre) con altre, inclusa Geo (geostazionaria). "Completerà le nostre infrastrutture esistenti, creando sinergie. Ad esempio, migliorerà il segnale Galileo (rendendolo in grado di resistere a varie potenziali interferenze), fornirà a Copernicus capacità di trasmissione dati per missioni in tempo reale o ospiterà sensori spaziali di carico utile extra per eseguire la sorveglianza e il monitoraggio dello spazio direttamente dallo spazio", ha spiegato. (Beb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE